Venghino, siori, venghino!

Leggendo ogni giorno le notizie, si sa, capita di leggerne di buone e di cattive e la nostra giornata sarà, almeno in parte, condizionata dalla proporzione tra le due tipologie.

Per esempio oggi capita di leggere notizie buone come questa:

 

ANSA – 2007-04-19 17:25 – NEL 2009 NASCERA’ IL TEATRO POLIFUNZIONALE LIRICO GIORGIO GABER

MILANO – Partiranno nei prossimi giorni e dureranno due anni i lavori di restauro e ampliamento del teatro Lirico, dove Giorgio Gaber, cui verrà intitolato, ebbe i maggiori successi e sul cui palco festeggiò persino i suoi 60 anni.

Finalmente Gaber avrà il suo teatro, uno spazio polifunzionale che mira a diventare un polo internazionale per la musica e lo spettacolo, con rassegne dalla danza al Teatro dell’incredibile, dalla musica classica a quella d’autore.

(…) Nel teatro troveranno inoltre posto una sala conferenze, un bar, un ristorante, una biblioteca e uno spazio relax.

Artefici della rinascita del teatro, chiuso dagli anni 90, una cordata di imprenditori teatrali che ha vinto il bando del Comune e ha affidato i lavori all’architetto Luciano Colombo.

(…) Il teatro "avrà un sistema acustico innovativo – spiega Colombo – con pareti attive, per cui sarà lui ad adattarsi al tipo di musica proposta e non viceversa".

Sul progetto l’assessore Vittorio Sgarbi consiglia: "aggiungete, ma non togliete". "Nominerò un cerbero che avrà il compito di vigilare sulla tutela di questo monumento" (progettato dal Piermarini, ed inaugurato nel 1779).

Con la speranza che, per il 2009, il Lirico torni a essere quello che era nel ‘79, anno di una splendida fotografia che ritrae una folla ansiosa sotto l’insegna che porta il nome di Gaber.

 

E notizie decisamente cattive come questa:

 

ANSA – 2007-04-20 10:21 – VIRGINIA: IL MANIFESTO DI CHO SCONVOLGE L’AMERICA

WASHINGTON – Due foto sorridenti in prima pagina con una didascalia: "Oh, come avrei potuto essere felice tra voi edonisti, se non mi aveste fottuto la vita". Poi un’ immagine di nuvole che coprono un cielo sereno ed ecco il nuovo volto di Cho Seung-Hui: killer in divisa paramilitare pronto a uccidere. E per altre 22 pagine, 28 videoclip e 43 foto si  scatena il delirio di un ‘manifesto’ multimediale che ha sconvolto ancora l’America a pochi giorni dalla strage del Virginia Tech.
Ancora una volta gli Usa si ritrovano faccia a faccia con un incubo cresciuto in casa.

 

L’autore della più grave strage nella storia delle scuole americane – 33 morti, tra cui il killer – aveva preparato con cura il proprio testamento, usando computer e telecamera. Lunedì mattina, dopo aver ucciso due ragazzi e prima di compiere il resto della strage, Cho con freddezza ha completato il suo manifesto, si è recato all’ufficio postale del campus e lo ha spedito a New York al network Nbc, che lo ha ricevuto mercoledì.


Le accuse di Cho non sembrano avere un destinatario preciso, ma vengono lette da criminologi e psichiatri come manie di persecuzione e deliri di onnipotenza di una mente malata.

Già in passato il ragazzo era stato descritto come inquietante e solitario, non parlava con nessuno ed era vittima prediletta di abusi e bullismo, preso in giro spesso per la sua timidezza e il modo strano in cui parlava e una volta, mentre leggeva in inglese in classe, ci fu chi si mise a ridere gridando: "Torna in Cina!". (l’Ansa completa)

 

Nonostante sia abbastanza delineabile la differenza tra buoni e cattivi, ho ancora difficoltà ad incasellare notizie come questa:

 

ANSA – 2007-04-20 11:17 – DELITTO COGNE: UDIENZA A TORINO CON ANNAMARIA E MAXISCHERMO

E’ cominciata questa mattina, a Torino, l’udienza del processo d’appello per il delitto di Cogne. In aula è stato allestito un maxi schermo perché il pg Vittorio Corsi, nel suo intervento, intende mostrare alla Corte delle immagini realizzate dai carabinieri del Ris.

Fuori dai cancelli, sin dalle ore precedenti, si era radunato un capannello di qualche decina di persone in attesa di entrare e, come di consueto, uno degli aspiranti spettatori ha distribuito bigliettini numerati con l’obiettivo di regolamentare l’afflusso. Il programma prevede l’ultimo intervento del pg.

Malumori e proteste fra la trentina di persone che non sono riuscite ad entrare nella maxi aula 6 del Palazzo di Giustizia (…) La tribuna del pubblico, dove e’ presente un gruppo di giovani studenti di giornalismo, e’ infatti piena. (l’Ansa completa)

 

Bigliettini numerati? Programma? Ma non è un processo penale in un caso di omicidio???

Annunci
Categorie: attualità, cotte e mangiate, domande utili, poldina sconsiglia, riflessioni, schegge di follia, teatro | 2 commenti

Navigazione articolo

2 pensieri su “Venghino, siori, venghino!

  1. crimson74

    Ci stiamo americanizzando, vedrai,
    tra un pò apriranno anche qui da noi un canale televisivo dedicato ai processi (vabbè, a parte il fatto che già c’è ‘Un giorno in pretura’).
    Mi chiedo: le udienze sono di mattina… ma c’è così tanta gente che non ha nient’altro da fare?

  2. Lenotedipoldina

    Da questo punto di vista non l’avevo ancora analizzato!
    E’ vero…tutta gente che non ha di meglio da fare…mapperchè non se ne va’ al parco, o al mare????
    Mah….
    E sono d’accordo con te, prima o poi ci scappa il network “ad hoc”.
    Tristezza….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: